Problemi di coppia Torino

Come risolvere conflitti e problemi di coppia - Torino

In un caso di problemi di coppia seguito anni fa a Torino, Marco rimproverava a Carla di vivere in modo ossessivo le pulizie di casa, dedicando a queste un tempo eccessivo, che veniva così tolto alla coppia, e di essere spesso irritata e distante nei suoi confronti; mentre Carla accusava Marco di essere troppo spesso assente per lavoro e totalmente inaffidabile in ogni aspetto pratico della vita comune, costringendola così ad occuparsi personalmente di ogni cosa.

La situazione di tensione tra i due si era acuita dopo la nascita dei due bambini e le discussioni, spesso su questioni molto banali legate al ménage familiare, erano una sequenza di recriminazioni reciproche in cui ognuno cercava di rimpallare all'altro colpe e mancanze varie.

Lei: «Io sono aggressiva perché tu non ci sei mai e io non ce la faccio più».
Lui: «Io a casa ci sono poco perché tu non fai altro che pulire oppure aggredirmi».

Nelle situazioni molto conflittuali diventa determinante il contributo di un terzo elemento, equidistante rispetto a ciascun membro della coppia, un professionista che permetta un "cessate il fuoco", che aiuti ognuno ad uscire dalla propria trincea e a guardare le cose da un punto di vista diverso dal proprio.

Compito del terapeuta di coppia in queste situazioni è quello di leggere quei vissuti e quelle dinamiche che sono la vera "posta in gioco" del conflitto che si nasconde sotto la superficie delle discussioni quotidiane, aiutando i due partner a prenderne coscienza e a discuterne insieme.

Spesso per compiere questo lavoro si richiede alla coppia di rivivere la sua storia nei suoi momenti più significativi e, come riavvolgendo il nastro di un film, si risale fino alle "scene iniziali", la cosiddetta età dell'oro della coppia: quando i due si sono conosciuti, quando hanno scoperto di provare interesse l'uno per l'altra, i primi baci, gli aneddoti della prima ora...

Tutto questo allo scopo di conoscere la coppia e - perché no - riportarla, anche se solo per una parentesi, ad un clima affettivo meno teso e più aperto al dialogo, ma tutto questo soprattutto allo scopo di mettere in luce le ragioni stesse dell'esistere di quella coppia, cioè a dire quello che abbiamo definito il loro patto iniziale.

Perché due persone si innamorano?
Perché arrivano a decidere di stare insieme o addirittura si scelgono per il resto della loro vita?
E perché talvolta quelle stesse cose che inizialmente hanno unito due individui, successivamente finiscono per dividerli?

Durante la terapia per problemi di coppia a Torino, aiuto i partner a capire come spesso il patto iniziale della coppia sia fatto di progetti, idee e propositi apertamente condivisi ("Ci sposeremo, avremo dei figli, andremo a vivere vicino ai miei..."), ma anche di una serie complessa di bisogni, desideri, aspettative inconsce, mai esplicitati ma altrettanto influenti sulla coppia stessa, la cosiddetta agenda segreta.
Tali contenuti inconsci spesso affondano le loro radici nella storia delle famiglie di origine di ciascun partner.

Carla che proveniva da una famiglia molto unita, in cui i genitori facevano tutto insieme e la figura paterna era molto presente, avrebbe desiderato una maggiore presenza e condivisione da parte di Marco.
Marco che invece proveniva da una famiglia con caratteristiche opposte, era spesso assente a causa di viaggi di lavoro, e viveva come incomprensibili e frustranti le recriminazioni di Carla in merito alla sua scarsa presenza in casa.

Era evidente in questo caso specifico come le due agende segrete dei due coniugi non potessero che confliggere, causando problemi di coppia, disillusione e tensione, almeno fin tanto che la dimensione più profonda di bisogni e aspettative inconsce della coppia non fosse portata a galla e ri-patteggiata attraverso il lavoro terapeutico.

Nell'ambito di questo percorso come terapeuta di coppia a Torino ho utilizzato vari strumenti, anche su base psicodrammatica, come ad esempio il cosiddetto "scambio di teste".
Attraverso lo "scambio delle teste" ognuno dei due partner è stato costretto a decentrarsi dalla propria posizione per "vestire i panni dell'altro/a" e a pensare, almeno per pochi minuti, come pensa lui/lei, guardare dal suo punto di vista.
Solo a partire da questo decentramento infatti si può riuscire a vedere le ragioni che stanno alla base dei comportamenti dell'altro e finalmente vedere riconosciute le proprie.

Attraverso questo nuovo atteggiamento mentale, Marco ha potuto leggere, al di là del comportamento ossessivo e recriminante di Carla, il suo disperato bisogno di sostegno e vicinanza, di conseguenza ha cercato di essere più presente e meno delegante all'interno della coppia.
Carla, dal canto suo, è riuscita ad accettare maggiormente il bisogno di Marco di vivere anche fuori dalla coppia, senza per questo sentirsi abbandonata o tradita, scoprendo come il creare un clima più accogliente e positivo in casa preveniva il più delle volte le sue "fughe".

Problemi di coppia Torino

Problemi di coppia Torino: Contatta la d.ssa Silvia Balconi

Per contattare la dott.ssa Silvia Balconi puoi chiamare il 349.3261881 oppure compilare il form sottostante - *campi obbligatori

Nome e Cognome*
Mail*
Telefono
Domanda o richiesta*