Depressione Torino

La d.ssa Silvia Balconi si occupa di depressione a Torino

Quando Anna entrò nel mio studio mi accorsi subito che si trattava di depressione, Torino non la stimolava e, nonostante avesse poco più di vent'anni, da diversi mesi non riusciva più neanche a frequentare la scuola.
Rimaneva per gran parte della sua giornata nel letto, spesso con la testa sotto le lenzuola perché infastidita dalla luce o comunque chiusa nella sua camera.
Le sollecitazioni dei familiari a reagire e comportarsi come una qualsiasi ragazza della sua età non avevano nessun altro effetto che infastidirla e farla sentire ancor più inadeguata.
A dispetto di tutti i tentativi degli altri di minimizzare le sue ansie e le sue problematiche, Anna si sentiva dentro ad un baratro, senza alcuna possibile via di uscita.

La depressione è un aspetto della vita quotidiana di cui tutti gli esseri umani in qualche misura fanno esperienza; il dolore conseguente alla morte di un familiare, la separazione dalla persona amata, un insuccesso o un fallimento nella vita lavorativa, facilmente in una di queste situazioni ci è capitato di sentirci "depressi".

Quando però la depressione supera certi limiti per intensità e per durata, e soprattutto quando inizia a condizionare pesantemente l'esistenza della persona che ne è portatrice, allora diventa un vero e proprio disturbo che si caratterizza per:

Depressione Torino: Come si affrontano certi problemi?

Un approccio psicoterapeutico alla depressione è fondamentale, anche se talvolta, nei casi più gravi, può essere utile integrare ad esso anche una adeguata terapia psicofarmacologica.
Come abbiamo detto, l'aspetto fondamentale che caratterizza una persona depressa è la perdita di fiducia in se stessa e la difficoltà ad immaginare una via d'uscita dal proprio problema. Motivo per cui il primo passo di ogni terapia deve necessariamente essere la costruzione di un rapporto di fiducia con il paziente, e ciò può avvenire solo se questo si sente autenticamente ascoltato e accolto.

L'errore più grossolano che un terapeuta può commettere, quando approccia la fase acuta della depressione, è quello di cadere in un atteggiamento banalmente consolatorio, cercando fin da subito di minimizzare gli aspetti problematici, focalizzando su quanto vi è di positivo.

Ho trattato tanti casi di depressione a Torino e ho capito che è importante invece trasmettere alla persona che "prendiamo sul serio" i suoi problemi, pur chiedendole una collaborazione nella ricerca delle cause del suo malessere.
Cruciale, in questi casi, è inoltre delineare il contesto in cui il sintomo emerge, individuando il significato che questo assume all'interno di un determinato contesto interpersonale.

Il coinvolgimento dei familiari in queste situazioni è importante per il paziente, ma anche per la famiglia, che spesso si trova spiazzata ed impotente di fronte ai sintomi di questo "male oscuro". D'altro canto, come dimostrano le ricerche nel campo, una famiglia capace di fornire un buon supporto, è un indice prognostico positivo in questo tipo di problematiche.

Usciti dalla fase più acuta, le chiavi di volta di un intervento psicoterapico in questi casi sono:

Depressione Torino

Depressione Torino: Contatta la d.ssa Silvia Balconi

Per contattare la dott.ssa Silvia Balconi puoi chiamare il 349.3261881 oppure compilare il form sottostante - *campi obbligatori

Nome e Cognome*
Mail*
Telefono
Domanda o richiesta*